Preghiera a San Bernardo, patrono degli alpinisti

O glorioso San Bernardo, patrono delle genti di montagna e di coloro che sui monti cercano forza e letizia, benedici le nostre giornate e il nostro cammino; dona a ciascuno di noi, insieme con il desiderio e la conquista delle vette visibili, l’anelito verso le invisibili vette della Santità che tu raggiungesti vittorioso. Amen.

Papa Pio XI (Achille Ratti)

Il 20 agosto 1923, Papa Pio XI diede “San Bernardo da Mentone quale Patrono celeste non solo agli abitanti e ai viaggiatori delle Alpi, ma anche a coloro che si esercitano a salirne le vette.” (Lettera QUOD SANCTI di Pio XI)

 

1 maggio: Pellegrinaggio dei padri di famiglia a Roma

Dall’iniziativa di un gruppo di padri di famiglia cattolici, nasce l’idea di una passeggiata devozionale sotto il patrocinio di San Giuseppe, invocato come Familiarum Columen (Sostegno delle famiglie). L’obiettivo è di riunire i padri in un momento insieme spirituale e conviviale, per risvegliare in ciascuno il senso della grandezza del proprio ruolo nella famiglia e nella società. Questo breve cammino si svolgerà a Roma, dalla stazione di Ipogeo degli Ottavi alla Basilica di San Giuseppe al Trionfale, lungo la via Francigena. Leggi tutto “1 maggio: Pellegrinaggio dei padri di famiglia a Roma”

Una nuova Ave Maria per pellegrinaggi e processioni

Molti sono i canti legati al mondo della Tradizione. Tra questi vi è un’Ave Maria in lingua latina frequentemente intonata per la recita del Rosario durante pellegrinaggi o processioni ; composizione di origine ignota, di gradevole linea melodica ma che tuttavia, dal punto di vista testuale, risente di alcuni vistosi difetti di accentazione enfatizzati dall’andamento della melodia. Esaminando la registrazione di questa Ave Maria è possibile rilevare facilmente le seguenti grossolane deformazioni prosodiche:
– “Dominus tecùm
– “nedicta tu”
– “in mulieribùs
– “Et benedictùs
– “Ora pro nobìs
– “peccatoribùs“.

È evidente come il disegno melodico, in conserva con un flusso ritmico/metrico non ben congegnato, vada a collocare accenti tonici su sillabe che non dovrebbero averne. L’intonazione di questo canto da parte di decine di migliaia di fedeli, negli anni e nei decenni, ha fatto sì che errori simili si sclerotizzassero guadagnando anch’essi, per inerzia, la dignità della “tradizione”. Leggi tutto “Una nuova Ave Maria per pellegrinaggi e processioni”